Insegnare al cane a non saltare sulle persone

scuola del cane

In questo articolo ci occuperemo di insegnare al cane a non saltare sulle persone ospiti che entrano in casa. Nel prossimo articolo gli insegneremo a non saltare su di te. L’importanza di questa lezione può dipendere dalle dimensioni del tuo cane. Un Chihuahua che salta sui tuoi ospiti creerà senza dubbio meno problemi di quando lo fa un San Bernardo. Ciononostante nessuno dei tuoi invitati gradirà delle impronte di zampe fangose sui loro vestiti magari griffati, nè da parte di un San Bernardo nè da parte di un Chihuahua.

Per insegnare al tuo cane a non saltare sulle persone potrebbe servire più tempo e pazienza rispetto ad altri addestramenti, in quanto è usuale tra cani salutarsi con annusate e leccate sul muso che normalmente loro non hanno a 170 cm di altezza rispetto al suolo.

Lo so a cosa stai pensando: “avrò quindi bisogno di un volontario che mi aiuti durante questo addestramento”? Ebbene trema! La risposta è SI ! Quella che segue è una vera e propria procedura di addestramento, perciò non aspettarti che sia avvincente e scorrevole.

Per insegnare al cane a non saltare addosso ai visitatori

1. Metti in tasca dei bocconcini di ricompensa.

2. Prendi il cane ed accompagnalo vicino alla porta dove normalmente entrano i tuoi ospiti (tu e il tuo cane resterete all’interno dell’abitazione).

3. Chiedi ora al tuo complice d’addestramento, il quale si troverà all’esterno, di varcare l’ingresso ed entrare in casa, ed appena lo farà dai al cane con voce calma e pacata l’ordine di sedersi.

4. Se il tuo cane si siede, lodalo e ricompensalo (provvedi tu a ricompensare il cane e non il tuo collaboratore).

5. Ripeti questo esercizio per cinque volte.

Se il tuo cane non esegue correttamente ciò che gli chiedi

Se il tuo cane non si siede quando gli viene chiesto, mettiti subito di fronte a lui (dovrà fronteggiare nientepopodimeno che il suo padrone) e ripetigli l’ordine.

Premia il cane immediatamente se si siede: bocconcini + lodi. Ripeti la scenetta un paio di volte. Dopodichè fai entrare ancora il tuo amico dalla porta e appena varca l’uscio fai velocemente un passo di fronte al cane, (faccia a faccia) chiedigli ancora di sedersi e ricompensalo se lo fa.

Dopo due o tre volte che questo sistema ha successo effettua una piccola variante, cioè fai entrare il tuo aiutante e fai in modo che sia lui, mettendosi di fronte al cane, a dargli l’ordine per farlo sedere. Provvedi però sempre tu alla ricompensa.

Se il tuo cane continua a non sedersi e cerca di saltare addosso al tuo aiutante, non alzare la voce nè manifestare altri segni di intolleranza ed impazienza. Il tuo cane è probabilmente solo un po’ troppo entusiasta della visita di questo tuo amico.

Modifica invece la scenetta così: quando il cane non si siede, istruisci il tuo collaboratore dopo essere entrato nell’abitazione, a girare bruscamente le spalle e andarsene richiudendo la porta.

Se dopo questo smacco il cane si rivolge con lo sguardo verso di te (molto probabile) fai anche tu lo stesso, cioè volta le spalle al cane. Dopo circa 10 secondi, il tuo amico dovrebbe tornare, avvicinarsi al cane e chiedergli lui di sedersi. Se il cane non lo fa, dovrebbe ancora girargli le spalle ed uscire ancora chiudendo la porta. Chiedi al tuo amico aiutante di avere pazienza e di ripetere la scena fino a quando il cane non si sarà seduto, premia tempestivamente il cane non appena dovesse sedersi.

Nota: se fosse possibile convincere più di uno dei tuoi conoscenti a prestarsi a questa fase dell’addestramento presentandosi in giorni diversi della settimana, questo velocizzerebbe di molto l’apprendimento del comando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *