Cane da pastore Maremmano Abruzzese – Caratteristiche e attitudini

Cane da pastore Maremmano Abruzzese

Il cane da pastore Maremmano Abruzzese appartiene al grande ceppo dei cani da difesa da gregge bianchi ed ha probabilmente origini asiatiche.

Si pensa che questi cani siano stati portati in Europa dai romani proprio ai tempi delle conquiste asiatiche. E’ invece certo, dal ritrovamento di documentazione storica, che queste specie di cani, erano presenti nella Roma antica già all’epoca di Cristo, quindi da almeno 2000 anni.

Recentemente si è deciso di unificare la razza delle due varietà Maremmani ed Abruzzesi ad un solo standard, “Cane da pastore Maremmano Abruzzese”.

Aspetto e caratteristiche cane da pastore Maremmano Abruzzese

E’ un grande cane dall’aspetto simile a quello dell’Orso Bianco Polare, molto rustico e maestoso. Gli occhi sono generalmente scuri, le orecchie  a forma di V sono al di sopra dell’arcata zigomatica. pastore Maremmano Abruzzese

La lunghezza del tronco è superiore a quella del garrese, coda grossa normalmente pendente ma che arriva alla linea del dorso quando il cane è eccitato.

Il manto è rigorosamente bianco, l’unico ammesso in questa razza, eccezionalmente sono tollerate sfumature avorio o limone.

L’altezza al garrese è di 60-70 cm per le femmine e può raggiungere la bellezza di 75 cm per i maschi. Il suo peso è di circa 45-50Kg ma può arrivare eccezionalmente a 60Kg.

Attitudini cane da pastore Maremmano Abruzzese

Non è certamente un cagnolino da compagnia, ma la sua fama che lo vuole aggressivo e mordace non corrisponde al vero.

E’ un cane nato per coordinare il gregge e specialmente per difenderlo da potenziali predatori, il suo carattere è quindi quello giusto per adempire al compito per il quale è stato selezionato. A renderlo invece nervoso è la vita d’appartamento con le piccole uscite per fare i bisognini.

Questo cane non dovrebbe essere adottarlo da chi non abita in campagna e non può quindi garantirgli gli spazi naturali per il quale è stato selezionato. Non è di facile addestramento (alcuni lo sconsigliano categoricamente)  perché reagisce male ed in modo aggressivo a qualsiasi tipo di costrizione.

Se gli si permette di vivere in modo idoneo (spazi e libertà) è un’animale dolce ed affettuoso senza bisogno di percorsi educativi particolari. E’ adatto a chi ne conosce bene la razza e ne sappia assecondare il carattere, poiché è ribelle, testardo e, se costretto nel modo sbagliato a fare qualcosa, può diventare aggressivo.

Dove tenerlo

Il Pastore Maremmano non dovrebbe vivere in città. Obbligatoriamente in giardino o in campagna non è nato per stare in appartamento.

Aspetto sanitario

Rustico e robustissimo non ha quasi mai problemi di salute, può essere affetto da malattie contraibili da qualsiasi altra razza senza  predisposizioni per qualcuna in particolare.

Viene allevato ancora negli Abruzzi da appassionati pastori dandogli quindi anche oggi l’opportunità di svolgere il suo ruolo originario di libero guardiano del gregge in mezzo alla natura.
La sua vita media è di 10-12 anni.